sabato 26 novembre 2011

IV PARTE - COME SI IMPARA A LEGGERE IN TURCO? HOW DOES LEARN TO READ IN TURKISH?

Foto tratta da: Imparare a Leggere
      Dopo una breve pausa sulla classificazione della lingua  turca, concludiamo  il nostro discorso sull’alfabeto.
Bene,  oggi andremo a vedere nel dettaglio come leggere un testo in lingua turca. Alcune anticipazioni sono già state fatte in precedenza e sicuramente avrete notato alcune novità rispetto al nostro alfabeto.  
 In turco c’è solo un modo per leggere ogni lettera:  “A”, ad  esempio, dà soltanto un suono e non come in altre lingue europee…basti pensare alla lingua inglese, lingua che grosso modo tutti conoscete, in cui il suono della “A” varia  a seconda che leggiamo: bar, ban, father, swan.
In turco, inoltre, non vi sono i dittonghi. Quando due vocali si incontrano, vengono pronunciate distintamente col proprio suono. Ogni lettera  dunque viene pronunciata individualmente ed ogni parola  viene pronunciata esattamente come è scritta.
Tuttavia, vi è solo un’eccezione, nella lettera:   ğ. Tale lettera serve per prolungare il suono della vocale che la precede e non la si trova mai ad inizio di parola.
Nella lingua turca, vi è una notevole abbondanza di vocali rispetto alla nostra lingua. Nell’alfabeto turco infatti, troviamo ben otto vocali e ventuno consonanti, tuttavia sei vocali in meno rispetto all’alfabeto Ungherese!
Le vocali vengono divise in due gruppi. Vi sono quelle dette frontali, dolci o prepalatali: e, i, ö, ü. Sono dette frontali proprio perché sono pronunciate essenzialmente con le labbra e  quindi dopo il palato. Quelle del secondo gruppo, invece, sono dette anteriori, dure o postpalatali: a, ı, o, u.
Questa classificazione è bene ricordala anche in seguito perché sarà utile, a mio  avviso, per acquisire il concetto di “armonia vocalica”.
Sia l’armonia vocalica , correlata al fenomeno dell’agglutinazione che approfondiremo più avanti, sia l’ampio uso delle vocali frontali, nello specifico: ö e ü; rendono la lingua turca particolarmente armonica e musicale.  Sebbene queste due vocali possano sembrare difficili ad un italiano o ad un inglese, coloro che, invece, hanno studiato francese le trovano in “sur” e “tu” ( ü ) e in  “jeux” e  “deux”( ö ).
La vocale anteriore o prepalatale ı, che è considerata da alcuni linguisti come inesistente in italiano, spagnolo, francese ed inglese, può essere trovata in alcune espressioni dialettali dell’italiano, specialmente al sud, e parole inglesi come  hospitable, remarkable, this e wanted. Si tratta essenzialmente, a mio avviso, di una i soffocata. Non a caso, infatti, la lettera  ı viene scritta senza il puntino in alto, sia in minuscolo che in maiuscolo, al contrario di quanto avviene, invece, per la vocale i che viene scritta, proprio per evitare confusione tra le due vocali, col puntino sia in minuscolo i che maiuscolo İ.
La  r, invece, viene pronunciata sempre ed è come in italiano.
Nell’alfabeto turco, non vi sono le seguenti consonanti: q; x; w.
Come avete potuto ascoltare dal video, inoltre, le consonanti hanno la stessa pronuncia delle nostre consonanti, eccetto che per c e ç.
C è uguale al suono di j, come in jazz o gelato.
Ç è uguale al suono di ch ( in inglese) come in change, Church;  uguale alla nostra “ci” di  arrivederci, ciao.
Per quanto riguarda, invece, il suono della consonante g, è sempre un suono duro come nella parola italiana “gatto” o nella parola inglese “gun”.
La consonante h, è sempre aspirata come in inglese. Ad esempio nelle parole: “high”; “ hard”;  “harvest”.
La consonante S ha sempre un suono dolce, come nella parola italiana “sole” o come nella parola inglese “sister”.
La consonante ş ha lo stesso suono che troviamo nelle seguenti parole inglesi: “shoe”; “shine”; “shimmer”. Lo stesso suono,in pratica, che troviamo nell’italiano in: “ sci”; “sciame”; “sceriffo”.
Infine, la consonante v è pronunciata come la w in inglese; sostanzialmente ricalca il suono della v italiana. Quando però è doppia come nella parola turca “kuvvet”, il suono ricorda quello della V inglese.
       Colgo l’occasione per  ringraziare  tutti coloro che attendono con impazienza i miei post e tutti coloro che numerosissimi sostengono questo spazio virtuale totalmente libero.  Ben presto sarò lieto di pubblicare post inerenti alla cinematografia turca, alla cultura turca e più in generale alle notizie di attualità che arrivano  dalla Turchia. Grazie per i vostri suggerimenti .
Por fin un  gracias especial para todos que son de lengua española y  leen con mucho interés ese  Blog. ¡ Gracias a todos!   ¡Hasta muy pronto!
 
Leggi anche:
                       


 

1 commento:

  1. la R viene pronunciata sempre come in italiano, ma quando è alla fine della parola non viene pronunciata sh?

    RispondiElimina

Do not make comments as "Anonymous." Go to Name / URL. Enter your nickname in the "name" field, if you do not have a blog / site leave the field empty URL.

I commenti Anonimi saranno bloccati dal filtro Anti-Spam. Andate su Nome/URL. Inserite il vostro nickname nel campo "nome", se non avete un blog/sito lasciate vuoto il campo URL.

CONDIVISIONE